asd

FEED RSS

"Really Simple Syndication" un modo semplice per distribuire l'informazione:

COMUNICATI STAMPA

14. Mostra Internazionale di Architettura
Fundamentals biennale di architettura 2014
7.06.2014 - 23.11.2014


Galleria immagini


Il 5-6 giugno con il vernissage prende il via, per la prima volta in giugno, la Biennale Architettura che aprirà al pubblico il giorno 7. "Fundamentals" è la parola chiave dell'edizione 2014 decisa dal curatore Rem Koolhaas.
"Absorbing Modernity 1914-2014" è il tema dei 65 Padiglioni nazionali, è la storia della modernizzazione di ciascun Paese nell'ultimo secolo. Si riflette osservando il ritratto di un periodo difficile pieno di distruzioni, divisioni, occupazioni, paesi sfibrati e traumatizzati ma sopravvissuti.
Edizione piena di novità, 10 nuovi paesi partecipanti, passando da 55 a 66, sei mesi di tempo per visitarla e si aggiunge anche "monditalia" dove vengono trattati aspetti della realtà del nostro paese, approfonditi con discussioni ed incontri durante tutta la durata della mostra.


di Giacomo Vianello

Posted on 06 Jun 2014 by redazione
Carnevale di Venezia 2008
 Sensation, 6 sensi x 6 sestrieri

Il carnevale di Venezia 2008 parla dei "Sensi" in festa fra le calli e i campielli, con una ricca programmazione di eventi, fra balli ai Giardini e alla Marittima, sfilate in Piazza e tanta musica per i giovani.
"Sensation" è nato da una idea di Marco Balich, direttore artistico di Venezia Marketing & Eventi per portare il pubblico verso una nuova dimensione del carnevale, in cui il divertimento viene ad essere il protagonista.Una delle idee centrali della festa è quella di collocare un paese, una nazione, un popolo, per scambiarsi e intrecciare esperienze, culture e tradizioni, passando attraverso il divertimento ludico del Carnevale.
Quest'anno gli ospiti graditi sono gli amici della Romania. La festa veneziana rispetta la tradizione e inizia con il volo dell'Angelo, prosegue con la Festa delle Marie, il Gran Corteo Storico e la sfilata delle Maschere.
Il Carnevale si lega alla trasgressione ed è il periodo in cui tutte le follie sono permesse: riti e festeggiamenti con maschere bellissime, puntuali avvenimenti di una cultura e di ogni società che vuole dimenticare la grigia quotidianità.
Posted on 10 Feb 2008 by redazione
Cinema, a Verona ritorna dal 26 aprile al 6 maggio "schermi d'amore"
11a edizionetfestival internazionale del cinema melo
Venezia,3 mar - "schermi d’amore" Festival internazionale del cinema melo di Verona giunto con successo alla sua 11a edizione, che porta come titolo "andata e ritorno: viaggio attraverso la passione senza confine" che si svolgerà nella città scaligera dal 26 aprile al 6 maggio prossimi.
Organizzato dall’assessorato alla cultura del comune con il patrocinio del ministero per i beni culturali e sostenuto dal main sponsor calzedonia.
Madrina della serata d’apertura il 26 aprile prossimo, sarà la giovane attrice rivelazione dell’anno: Laura Chiatti. E’ un festival che è cresciuto di anno in anno, ed è come una finestra aperta sul mondo della passione che è infinitamente ricco di sfumature e di suggestioni, nostre e degli altri.
Il programma anche in questa edizione prevede varie sezioni: amori in (con) corso. Premio calzedonia a cui partecipano10 film inediti in italia, racconti d’amore provenienti da tutte le cinematografie del mondo, al vaglio di una giuria di prestigio e al film vincitore andrà un premio di 20 mila euro, offerto dal main sponsor calzedonia, per la distribuzione in Italia.
Nel 2006 il premio è toccato a "cidade baixa" di Sergio Machado, in uscita prossimamente nelle sale italiane. Tra i primi titoli selezionati  per questa edizione c'è "daisy", un melo - noir realizzato da Andrew Lau, già autore della trilogia "infernal affairs" dalla quale Martin Scorsese ha tratto il film vincitore dell’oscar 2007 "the departed".Un’altra sezione è panorama dove troviamo cult movie, notturni, restauri, anteprime nazionali.Opere riscoperte e strappate all’oblio,film insomma che fanno discutere e appassionano. Segnaliamo per il percorso "romeo e giulietta di tutto il mondo"  verrà proposto in collaborazione con lo Yerevan international film festival - golden apricot  "tini zabutykh predkiv" ( i cavalli di fuoco 1964 ) di Sergei Paradjanov. Come anteprima dell’attesa rassegna "berlino-hollywood, andate e ritorni", "all that heaven allows" ( secondo amore ,1955 ) di Douglas Sirk, "angst essen seele auf" ( la paura mangia l’anima ,1974 ) di Rainer W.Fassbinder e "far from heaven" ( lontano dal paradiso.2002 ) di Todd Haynes.
Ci saranno due film di Tinto Brass senza censura   in occasione della pubblicazione del volume "sogno di un paesaggio tra cielo e acqua", a cura di Ferdinando De Laurentis, Giancarlo Beltrame e Paolo Romano, dedicato al rapporti tra la città di Rovigo e il cinema. I film  proiettati di Brass in versioni non censurate saranno "la vacanza" (1971 ) e "miranda" (1985) e insieme "la donna del fiume" ( 1954) di Mario Soldati,  "a visita" ( 1964 ), di Antonio Pietrangeli, "il grido" (1957 ) di Michelangelo Antonioni.
Nella sezione "liturgie del corpo", schermi d'amore dedica una retrospettiva con tavola rotonda al cinema di Bruno Dumont , pluripremiato al festival di cannes. In programma le versioni integrali dei suoi quattro lungometraggi:"l'età inquieta" ( 1999 ) "l'humanitè" (1999 ), "twentynine palms" (1999 ) e "flandres" ( 2006 ). Dal primo ( parabola catartica di un ragazzo di vita ) all'ultimo film girato ( un'allegoria sull'orrore della guerra ), Dumont dipinge il paesaggio mentale di corpi troppo pesanti per non cadere, mossi da sentimenti  non verbali, pulsioni ancestrali  e ansie di riscatto. Frontale e ascetica, la cinepresa scolpisce il tempo sospeso su questi corpi crudi ma anche astratti, materici eppure spirituali. E' previsto un convegno spettacolare dal titolo "peccato che sia una canaglia: 60 anni di femme fatale all'italiana", sulla presenza e/o l'assenza di questa figura in italia: la seduzione femminile nel nostro paese ha infatti sempre indossato connotazioni più casalinghe diventate addirittura proverbiali: la pizzaiola, la mondina, la bersagliera. ma ci sono anche,come scrive Pierà Detassis: "le maggiorate in sottoveste, e le nannarelle neorealiste, le rare sophisticated lady, le ragazze con la pistola e le mariangelemelato della commedia italiana, le signorine snob, le neointellettuali, le nevrotiche, le dark e le vamp internazionali". Tuttavia tracce del passaggio della femme fatale sono presenti lungo i 60 anni passati dall'evento fondante del divismo in italia, e cioè il concorso a stresa nel 1947 di miss italia, quando sfilarono sul palco insieme Gianna Maria Canale, Lucia Bosà, Gina Lollobrigida, Eleonora Rossi Drago (mentre contemporaneamente la mangano veniva notata a roma al concorso per miss roma). Relegate spesso a ruoli secondari, le cattive che usano la seduzione come un'arma o la perfidia come un abito di firma, talvolta rubano la scena alle protagoniste.
Compito della rassegna di film che accompagneranno il convegno sarà scoprire queste tracce e portarle alla luce. Vedremo film come "la bella di lodi" ( 1963 ) di Mario Missiroli con Stefania Sandrelli, "la seduzione" (1973 ) di Fernando di Leo con Lisa Castoni , "metti una sera a cena" (1968 ) di Giuseppe Patroni Griffi con Forinda Bolkan, "passione d'amore" (1981 ) con Laura Antonelli , "diabolik" (1968 ) di Mario Bava con Marisa Mell, tanto per citarne alcuni.
Ci sarà un omaggio al regista e produttore spagnolo Gerardo Herrero che per primo capì le potenzialità artistiche che ancora avevano le cinematografie latino-americane, compresse dalle restrizioni delle libertà negli anni delle dittature militari  e penalizzate  dalle difficoltà economiche.
Ci sara'una sezione trasversale al femminile "occhi di donna", storie di donne, realizzate da donne o con straordinarie figure femminili al centro della narrazione. Da ricordare che Verona, capitale italiana nella produzione di videoclip, ospita un laboratorio, dedicato alla creazione di video musicali attraverso l'esperienza dei più famosi registi del panorama nazionale, e alcuni hanno anche realizzato per il cinema lungometraggi di successo.

Posted on 01 Apr 2007 by redazione
Carnevale di Venezia 2007
Venezia nel 2007 ritorna ad un carnevale magico e ammaliante per dimenticare le difficolta’ della vita quotidiana: la kermesse vede come protagonisti le arti, i balli il teatro, la musica, il circo e si festeggia in questa edizione il tricentenario della nascita del grande veneziano Carlo Goldoni, artista tra i piu’ rappresentativi nella tradizione letteraria e teatrale veneziana e mondiale.
La kermesse mascherata e’ composta da tanti svariati temi divertenti che comprendono un coinvolgimento non solo di Piazza San Marco ma anche di tutta la città, compresa la terra ferma veneziana.
Ci sara’ tanta musica da ballare, popolare, folk, con interpreti di livello internazionale come gli afro celt sound system, la bollywood brass band, roy paci e gli aretuska e molti altri. Ancora ci saranno le marching band per finire con "funk off ", la più famosa di tutte, protagonista di umbria jazz. Il circo come teatro, spettacolo acrobatico "creature" di Marcello Chiarenza e Alessandro Serena e "i fuochi d’inverno", coproduzione tra pantakin da Venezia e l’associazione diecimenodieci. tante rappresentazioni di commedia dell’arte e una grande manifestazione, "venezia suona" ospite del Carnevale di Venezia costruita appositamente per la città da Cianantonio De Vincenzo e gli amici del “ suono improvviso “.
Grande sfilata dell’Atelier Nicolao di Venezia con centinaia di costumi straordinari protagonisti del carnevale.
"La festa delle marie" aprirà la kermesse veneziana il 9 febbraio che si chiuderà martedi grasso 2° febbraio.
Il Carnevale offre spettacoli teatrali di grande livello culturale e il teatro la fenice propone "la vedova scaltra" di Goldoni con musica di E.Wolf, Ferrari e il gran ballo in maschera "la cavalchina" il sabato grasso. Il teatro Goldoni di Venezia presenterà presso la Scuola Grande di San Giovanni Evangelista "una delle ultime sere di carnovale" di Goldoni ( 13 – 20 febb ) produzione del teatro stabile del veneto , "il corvo favola in maschera" produzione Pantakin da Venezia e altri, ( 14 feb), "sior todero brontolon" di Goldoni con Lino Toffolo ( 15 – 16 feb ), "a qualcuno piace carta" di Ennio Marchetto ( 17 – 18 feb ).

Posted on 11 Feb 2007 by redazione

AGENZIA INFO